mercoledì 18 dicembre 2013

Oh...il ciuccio che vola

Ciuchinangelo (C) Paola Rinaldi

Che gli asini non sappiano volare è risaputo, ma ultimamente hanno imparato a usare Internet e a scrivere boiate incredibili si, ma la cosa più incredibile è quante persone le condividano.
Seguo da un po' di tempo un blogger anti-bufale, Bufale un tanto al chilo, e devo dire che mi meraviglio sempre che, ogni volta che vedo su FB una di quelle scritte allarmistiche con dietro la foto, c'è dopo 5 minuti la pronta smentita da parte di Bufale su quello che ho visto.
E cosi i tanti avvisi che mettono in mezzo la ministra Kyenge, i voti segreti del parlamento, le scie chimiche e gli avvistamenti del mostro di Loch Ness, sono prontamente sbufalati (termine tecnico del blog) dall'amministratore di Bufale. Quello che mi dispiace però, è vedere continuamente questa pletora di fesserie essere riproposte continuamente nelle bacheche di amici e conoscenti. Persone non stupide, ma forse un po' pigre, che non si prendono la briga di controllare se la cosa è vera o falsa. Specie se la bufala parla di extracomunitari, allora la può anche partire l'alterco feroce.



La bufala più più incredibile, e che le persone seguono e diffondono con più accanimento, è quella del metodo Stamina. Il metodo Stamina è il controverso metodo di creazione di tessuto neuronale brevettato dal dott. Davide Vannoni - da notare il dottore si riferisce alla laurea in Lettere e Filosofia, non a quella in Medicina. Secondo questo signore basterebbe fare una bella siringa con delle cellule staminali cresciute col suo metodo e *PUFF* malattie inguaribile scomparirebbero come per magia. Ora, un signore del genere non dovrebbe avere nessun seguito, solo che una nota trasmissione televisiva, Le Iene, e in particolare Giulio Golia, ha preso a cuore questo metodo Stamina, e lo difende a spada tratta. Infatti in nove è più mesi sono riusciti a far ribaltare il giudizio di una commissione scientifica ( in cui credo uno o due laureati in Medicina c'erano ), a seguito di una manifestazione di piazza a favore del metodo Stamina fatta il 25/11/2013, e a far creare un altra commissione dal ministero. Commissione stavolta composta oltre che da medici italiani, che sanno quanto sia inutile il metodo Stamina, da medici esteri, che magari non hanno nessuna intenzione di avvallare un brevetto rifiutato sia negli Stati Uniti che nel Canada, tutto a spese del S.S.N. naturalmente.
C'è da dire che il sig. Vannoni non ha mai dato prove certe del suo metodo, e che molta della campagna mediatica parte da genitori di bambini che vedono in questa panacea un modo di non perdere i loro figli.

Capisco che chi vede il proprio figlio di pochi anni condannato a morte a causa di una malattia che non si riesce a sconfiggere, si appellerebbe anche ad un macumbero per salvarlo; ma comunque gli effetti sarebbero gli stessi di provare il metodo Stamina.

Quello che mi fa rabbia è che facendosi forte del dolore di tante famiglie, questo signore speculi alle loro spalle, si faccia pubblicità, venga intervistato, tanto chi non fa passare il suo metodo sono le cattive lobby del farmaco, che non vogliono che esista la bacchetta magica.
Però quello che mi fa ancora più rabbia sono le persone che non si informano su nulla, e perché vedono Giulio Golia in TV difendere Vannoni, non si informano su cosa stanno vedendo, e in più si affrettano a condividere le foto di quei poveri bambini malati, con le scritte allarmistiche a lato.

Sinceramente il dubbio era venuto anche a me, infatti non capivo come mai c'era questo grande accanimento contro il sig. Vannoni e il suo metodo, ma invece di andare a cercare su siti che parlano di medicina, ho letto una paio di articoli su Wired, uno dove parlavano del metodo e uno su cui facevano un poco le pulci alle Iene. Cosi in pochi minuti ho capito che il metodo è stato "sperimentato" si e no su due pazienti, più Vannoni che dice di essersi curato un braccio o qualcosa di simile, che è la scopiazzatura del metodo di una ricercatrice russa per utilizzare le cellule staminali per produrre neuroni (ma che non funziona con i tempi e le modalità che vuol far creder Vannoni), e che da nessuna parte si può visionare il brevetto, anzi il brevetto del metodo Stamina non c'è proprio, perché come dicevo sia gli Stati Uniti che il Canada lo hanno rifiutato.

Però io non sono nessuno, non sono un dottore, non sono un biologo o un chimico, quindi non prendete per oro colato quello che ho scritto, anzi, fate una bella cosa, prendete Google, digitate Metodo Stamina, e leggete gli articoli che escono. Fatevi voi un idea, non limitatevi a leggere le scritte rosse a fianco delle foto, fatevi un idea, usate il cervello. Porca palette, avete Internet, non usatelo solo per Facebook e i siti porno, ma usatelo in maniera consapevole e critica.